Il nostro primo villaggio di cucce per cani Animal Heroes in Ucraina.

Animal-Heroes-Dog-house-village

La scorsa settimana, il nostro team è tornato dall’Ucraina. Il nostro viaggio è iniziato con un viaggio in autobus di 8 ore dalla Polonia a Leopoli e, per la prima volta, siamo stati gli unici al controllo di frontiera. Eppure ci sono volute ancora due ore per attraversare il confine. Eravamo gli unici stranieri sull’autobus ed è davvero un ottimo modo di viaggiare, perché non avremmo potuto attraversare il confine con l’Ucraina con un’auto a noleggio polacca e perché, durante il viaggio, si riesce anche a lavorare.

Navicella spaziale

La nostra responsabile logistica Eleonora Orlandi (vedi foto sopra) ha il talento di trovare sempre la sistemazione più vantaggiosa per noi, e riesce sempre a sorprenderci con soluzioni molto originali. Questa volta si trattava di una capsula da astronauta al prezzo di 7 euro a notte! Non puoi starci dentro in posizione eretta ed è dotata di scale verticali per salire. Era anche completa di soffitto galattico e rifugio antiaereo contro gli attacchi russi.

Animali-Eroi-Navicella Spaziale-Ucraina-Doghouse-Village

Shopping grazie ai donatori finlandesi

La nostra manager finlandese, Carina Lintula, ci ha chiesto “al volo” se potevamo anche comprare 1000 euro di cibo per i 400 cani del rifugio, donato attraverso la sua organizzazione finlandese Animal Aid Without Borders. E naturalmente possiamo… Almeno, questo è quello che pensavamo. Trasportare questa enorme quantità di cibo si è rivelato un po’ più complicato che organizzare il nostro hotel per veicoli spaziali. Così, dopo aver bussato alla porta (senza fortuna) di diverse compagnie di autonoleggio della città, abbiamo incontrato la nostra cara amica Olga di Leopoli, che ci ha accompagnato a comprare medicine, antizecche e pastiglie antiaereo. La tappa successiva è stata un megastore in mezzo al nulla, dove siamo arrivati in una specie di taxi. Chi mi conosce sa che odio fare shopping, ma mi sono sentita più a mio agio del solito visto che i 1000 euro erano da spendere in cibo per cani!

Quando una macchina ha iniziato a trascinare pile di sacchi di cibo da 25 kg, dovevamo ancora risolvere un piccolo dettaglio… Non avevamo ancora alcun mezzo di trasporto. Oops.

Ambulanza gialla

Nel parcheggio abbiamo trovato due potenziali vittime, alla guida di un furgone giallo canarino che sembrava provenire da un altro secolo. Il guidatore sembrava inizialmente riluttante, salvo poi dirci di sì! Il suo nome è Anatolya e ha iniziato a caricare il cibo. E siamo partiti. Si è rivelata essere una vecchia ambulanza del 1991 ed è stata persino decorata con un tappeto di fiori. A volte non tutto va come previsto, si rende necessario arrangiarsi e improvvisare ma, in alcuni casi, si ha anche la fortuna di fare esperienze molto positive. Ironia della sorte, non c’erano cinture di sicurezza nell’ambulanza, ma siamo arrivati sani e salvi.

Avremmo dovuto portare i pattini, perché il rifugio era tristemente diventato una grande pista di pattinaggio. Appena entrati, siamo stati accolti da 20 simpatici cani che vagavano liberamente. Alcuni degli altri cani erano piuttosto territoriali e hanno chiarito che non ci era permesso attraversare il loro territorio. L’allegria dello shopping e del bizzarro trasporto è scomparsa in meno di un secondo quando abbiamo visto tanti cani abbandonati, ognuno con la propria storia, in attesa che i loro amici umani possano tornare a prenderli. Purtroppo la speranza in un lieto fine si affievolisce con il passare dei mesi, perché diventa sempre più improbabile che vengano recuperati dai loro proprietari.

Natalia – Eroe animale

Natalia è la fondatrice di questo rifugio, il più antico e il più grande di Leopoli. Lo gestisce da più di 20 anni con molto amore e dedizione. Invece di 200 cani, ora si prende cura di più di 400 cani, la maggior parte dei quali proviene da ucraini in fuga e dall’Ucraina orientale, dove ancora oggi sono in corso aspri combattimenti.

I cani di Natalia sono relativamente fortunati rispetto ai tanti randagi che vagano nel territorio, perché sono al sicuro e nutriti. Ma il cibo consiste principalmente in porridge di farina d’avena, perché non ci sono soldi per una dieta più equilibrata. Molti cani sono traumatizzati e vengono tenuti negli angoli più remoti del rifugio. Questo per ridurre al minimo il loro stress. Natalia ha evitato che li incontrassimo da vicino, per farli stare più tranquilli possibile. Abbiamo avuto modo di verificare che Natalia è molto attenta al benessere dei cani di cui si occupa, e questo – per noi che la supportiamo – è di fondamentale importanza.

Mentre stavamo camminando, abbiamo ricevuto una notifica che gli aerei russi stavano sorvolando la zona. Anche se mi sentivo abbastanza al sicuro dove eravamo, non era una sensazione piacevole.

Il nostro primo villaggio di cucce per cani Animal Heroes è un dato di fatto

Grazie a tutto il vostro sostegno e grazie a Olga Kirilovich di ONG pet-friendly (persona determinante in questo progetto e nostra grande amica dall’inizio della guerra), siamo riusciti a costruire il nostro primo villaggio per cani Animal Heroes con 25 cucce in legno (costruite localmente) che offrono un prezioso riparo dal gelo di questi mesi. Al nostro arrivo le casette erano appena state consegnate e mi ricordavano un po’ il villaggio dei Puffi. Sarebbe bello se potessimo dipingerle con tutti i colori dell’arcobaleno, per rendere il rifugio un po’ più colorato. Ma con così tanti animali senza alloggio o cibo, non possiamo permetterci questo lusso.

Ci siamo stati anche per un altro motivo, ma questo ve lo sveliamo dopo!

Sulla via del ritorno, la sirena antiaerea è suonata a Leopoli, e, anche se quella zona è abbastanza sicura rispetto ad altre zone, ci siamo augurati di cuore che questa terribile guerra possa finire al più presto.

Se vuoi aiutare gli animali ucraini, puoi fare una donazione per il nostro secondo villaggio di cucce per cani Animal Heroes:

Come possiamo aiutarti?