Veterinario turco in una zona terremotata

Animal-Heroes-drugsezels-turkije

Ali Lacinbala è stato nominato Animal Hero per i suoi anni di dedizione al salvataggio degli animali in Turchia. Ali ha salvato, curato e ospitato animali feriti dai terremoti turchi. È un veterinario e ha dedicato tutta la sua vita alla costruzione di un santuario per gli asini in una zona sismica. Abbiamo chiesto ad Ali di raccontarci la sua storia e di spiegarci perché ha bisogno di aiuto per spostare, recintare e trasferire 115 animali in poche settimane.

Il santuario degli asini di Ali
Ali Lacinbala ed Esther Kef al Santuario degli Asini in Turchia

ALI SCRIVE LA SUA STORIA DI ANIMALI
Durante i miei studi di veterinaria, ho visto un bellissimo cortometraggio sugli animali in difficoltà. L’empatia per gli animali ha avuto un enorme impatto su di me e mi ha influenzato per tutta la vita.

Per anni e con le mie risorse, ho dato da mangiare prodotti da forno e scarti di carne agli animali nelle zone montuose e vicino alle discariche. Ho partecipato a un incontro presso HAYTAP, una rispettata organizzazione turca per il benessere degli animali, dove hanno proiettato un cortometraggio sul loro lavoro nella cura degli animali. Ero stato sotto l’influenza di quel film per anni e non sapevo che si trattasse di HAYTAP. L’emozione e la passione per il loro lavoro mi hanno reso uno dei principali volontari di HAYTAP.

Negli anni che seguirono, cercai di creare gruppi volontari per l’alimentazione degli animali. Ero da solo per la maggior parte del tempo, perché i giovani erano nella morsa della disoccupazione e/o degli iPhone. Purtroppo, nel nostro paese, la convinzione generale è che gli animali debbano fornire carne e le piante debbano fornire cibo. Anche se alcune signore anziane hanno cercato di aiutarci nel nostro lavoro di difensori dei diritti degli animali, l’attivismo è stato generalmente carente e rallentato.

Questo simpatico cane è stato appeso a un albero ed è stato salvato da Ali quando eravamo lì

HAYTAP ACADEMY
Volevo agire per sensibilizzare l’opinione pubblica. Così ho avviato la HAYTAP ACADEMY per educare i più giovani e mettermi in contatto con loro sulla cura degli animali e sul loro benessere. Ho diviso il programma in 3 fasce d’età, ognuna con obiettivi diversi.

  • Fascia d’età dai 5 ai 12 anni: ho svolto attività per sviluppare i sentimenti di empatia dei bambini nei confronti degli animali.
  • Fascia d’età dai 15 ai 18 anni: ho tenuto incontri e seminari sulla tutela della natura, sulla creazione di aree verdi e sull’approfondimento della professione veterinaria.
  • Fascia d’età dai 18 ai 25 anni: ho creato un programma in cui gli studenti della facoltà di veterinaria e i neolaureati hanno ricevuto workshop su come trattare meglio gli animali per aiutarli a studiare e migliorare il modo in cui affrontano i casi futuri.

CENTRO DI TRATTAMENTO HAYTAP
Con il supporto di HAYTAP e sulla base del lavoro svolto presso l’accademia, è stato istituito il CENTRO DI TRATTAMENTO HAYTAP che contribuisce così tanto alla regione. Quando è stata istituita, nessuna struttura nel raggio di 80 km poteva effettuare radiografie sugli animali. Ora è la clinica più esperta della regione per il trattamento delle fratture negli animali.

Ali e il suo collega curano un cane randagio con un tumore.

Il centro non è ancora completamente completo, sono necessarie altre attrezzature e si sta acquistando a poco a poco. Tuttavia, il centro ha trattato più di 200 fratture e più di 3.000 animali randagi con problemi interni ogni anno.

I cani malati hanno la loro area di riposo nella clinica dove possono rimanere per tutto il tempo necessario.

L’impianto è stato costruito in una zona sismica in Turchia e a 130 km di distanza dalla città di Hatay, gravemente danneggiata. Grazie alla sua vicinanza al terremoto del 2023, il CENTRO DI TRATTAMENTO HAYTAP è stato in grado di consentire a centinaia di animali colpiti dal terremoto di respirare di nuovo.

RIFUGIO PER ANIMALI IN PENSIONE HAYTAP
Ci sono voluti circa 2 anni prima che mi sentissi pronto ad avviare un rifugio per animali simile nella mia città natale di Osmaníye. La nostra fattoria recintata di 10.000 m2 si trova all’interno dei confini del parco nazionale e ospita le vittime in un’area boschiva di circa 200.000 m2. La costruzione del santuario, del recinto e delle abitazioni ha richiesto 9 mesi.

ASINI IN PERICOLO
Questa riserva ospita cavalli e soprattutto asini, che un tempo venivano sfruttati dall’uomo. Quando sono rimasti feriti e non sono stati in grado di trasportare le cose, molti dei nostri asini sono stati lasciati morire a causa di ferite ai piedi e fratture. Abbiamo riparato quello che potevamo e a volte abbiamo dovuto rimuovere una gamba per salvare una vita.

ANIMALI SALVATI DA INCENDI E DETRITI
Ospitiamo anche pecore e capre di piccole dimensioni che sono sopravvissute agli incendi nel Mediterraneo. Abbiamo mucche, pecore, capre e pollame che sono stati lasciati morire sotto le macerie del terremoto nel Maraş e nell’Hatay.

Questa giovane mucca è stata salvata dal terremoto

Abbiamo trasferito ognuno di questi animali al rifugio, ogni animale ha una storia di salvataggio diversa. Molti hanno anche perso le loro famiglie e hanno avuto esperienze drammatiche e scioccanti.

PIÙ STRESS E PERDITA PER 115 ANIMALI
Ora tutto il lavoro, il tempo, gli investimenti e soprattutto le case e le vite di 115 animali sono minacciati. La nostra azienda agricola è sul punto di perdere la terra e siamo costretti a trasferirci a causa della burocrazia. Per salvare il nostro rifugio, dobbiamo trasferirci in una nuova regione alla fine di novembre.

NECESSITÀ URGENTE DI TERRENI, MATERIALI E AIUTI
Per ricollocare il nostro ricovero e gli animali, ci è stato fortunatamente assegnato un nuovo appezzamento di terreno di circa 50.000 m2. Ma dovremo costruire un ponte in modo che gli animali possano passare attraverso la foresta nazionale protetta. E abbiamo ancora bisogno di recinzioni e alloggi, tutto ciò è costoso e stressante per tutti noi. Se non saremo in grado di trasferirci, gli animali bisognosi saranno senza casa entro la fine di novembre.

VUOI AIUTARE A SALVARE I 115 ANIMALI DI ALI? LA TUA DONAZIONE PUÒ SALVARE VITE UMANE!

Per aiutare Ali, puoi fare una donazione utilizzando questo link

Come possiamo aiutarti?